Monthly Archives: maggio 2018

  • -
pilato-siamo-noi-alternativa

  • -
pisano

Politica ed istituzioni siano stimolate da rinnovamento della chiesa

Categoria : Notizie

Il recente incontro, moderato dall’arcivescovo mons. Vincenzo Bertolone, con il monaco laico Fra Enzo Bianchi ha fornito degli insegnamenti importanti sull’importanza di vivere il mondo della chiesa e della fede cristiana con spirito di rinnovamento e apertura al dialogo. Valori che devono riguardare anche la politica e le istituzioni che, in un periodo di smarrimento e di profonde trasformazioni, non possono che condividere il difficile percorso di cambiamento che Papa Francesco sta cercando di portare avanti, non senza criticità, all’interno della Chiesa. Per non correre il rischio di perdere definitivamente il contatto con la gente, ogni singolo amministratore dovrebbe interpretare il proprio ruolo avendo come unica bussola quella dei diritti e dei bisogni. In tal senso, il recupero della tradizione, dei valori identitari e delle radici cristiani è fondamentale per restituire significato anche alla funzione naturale della politica, andando oltre le divisioni ideologiche e abbracciando in maniera laica la “rivoluzione” che il Papa ha portato avanti nel mondo religioso. Solo così potremo elevare il livello del dibattito e dell’impegno politico, riappropriandoci del nobile ruolo a cui siamo stati chiamati da parte degli elettori.

Il consigliere comunale Pisano


  • -
pisano

Riforma regionale del welfare, Pisano: “Sonora bocciatura per il governatore Oliverio”

Categoria : Notizie

La sentenza con cui il Tar ha annullato i provvedimenti inerenti la riforma regionale del welfare rappresenta una sonora bocciatura per il governatore Oliverio e il centrosinistra. Accogliendo il ricorso proposto dal Comune di Catanzaro,  con il sindaco Abramo schierato in prima persona, e ben argomentato in ogni dettaglio dal settore legale, nelle persone del dirigente Saverio Molica e degli avvocati interni, il Tar ha ribadito che una riforma di così tale portata non poteva essere adottata senza il necessario raccordo con gli enti locali nella fase procedimentale. Utilizzando il gergo calcistico, potremmo dire: zero a zero e palla al centro. La Regione doveva, dunque, definire gli interventi in ambito socio-assistenziale discutendo in fase di programmazione con le amministrazioni locali che, invece, sono state ingiustamente estromesse. Ora si dovrà ripartire da capo nella speranza che il risultato finale tenga conto dei reali bisogni delle strutture socio-assistenziali che da anni soffrono una grave precarietà finanziaria, nonché dei Comuni, già tartassati dai continui tagli, che non possono essere lasciati da soli a gestire deleghe e funzioni di questa dimensione. Il Comune di Catanzaro ha vinto una importante battaglia politica e amministrativa riuscendo a salvaguardare le proprie casse e quelle delle strutture del territorio da eventuali gravi conseguenze. Peccato che Catanzaro si sia stato l’unico Comune calabrese a difendere questa posizione che avrebbe meritato la più ampia condivisione e partecipazione da parte di tutte le amministrazioni superando ogni appartenenza politica.

Consigliere comunale Giuseppe Pisano


Gallery

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, premi il pulsante maggiori informazioni. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi